Le abilità visive in relazione ai problemi di apprendimento nella lettura

 

Scritto dalla Dott.ssa Raffaella Bandoni, Optometrista Comportamentale

 

L’Optometria Comportamentale è la scienza che si occupa dello studio funzionale del sistema visivo, dello sviluppo della visione e dell’analisi approfondita della percezione e dell’apprendimento, con l’obiettivo di sviluppare le abilità visive appropriate in modo che il sistema lavori più efficacemente. Gli optometristi comportamentali analizzano i problemi visivi da un punto di vista olistico, considerando il sistema visivo parte integrante dell’organismo.

La visione è un complesso processo neurologico che ci aiuta ad identificare, interpretare e capire ciò che si vede. Inoltre è intimamente legato con altre abilità tra cui quella linguistica, uditiva, di coordinazione motoria e di equilibrio. Quindi può essere importante realizzare una valutazione completa delle aree visive e del loro legame con altre competenze cerebrali, soprattutto sull’apprendimento.

IMG_1550.jpg

In questo articolo, si trattano alcune delle abilità visive implicate e relazionate con i problemi di apprendimento, nello specifico quelle relative alla lettura, sperando che possano aiutare a capire perché anche un bambino “normodotato” possa avere difficoltà nella lettura durante l’età scolare.

 

LA VISIONE

É importante sottolineare la differenza tra Vista e Visione:

Col termine Vista s’intende la Acuità Visiva, cioè l’abilità di distinguere i dettagli a distanza.

La Visone invece è la capacità di capire e interpretare quello che vediamo.  Com’è facilmente intuibile il processo della visione è molto più complicato e va ben oltre il vedere i 10 decimi. Perciò è di fondamentale importanza che il sistema visivo sia il più efficace possibile, in quanto non solo rappresenta una base per l’apprendimento, ma influenza anche il comportamento di una persona. Quando un bambino entra nel periodo della scolarizzazione, due delle abilità intellettuali che dovrà  affrontare sono la lettura e la scrittura. Tutta la pressione ricevuta durante i primi anni scolastici per diventare bravi lettori e capire ciò che leggiamo ci aiuta a modellare il nostro essere.

 

Le abilità visive implicate nella lettura sono i movimenti oculari:

1)  Saccadici

Sono movimenti oculari rapidi, che si usano per passare da una parola all’altra mentre si legge o per cambiare linea. Se una persona sta guardando un oggetto e un altro oggetto entra nella periferia del suo campo visivo, l’istinto è di fare un movimento saccadico verso il nuovo oggetto. I movimenti saccadici si possono migliorare con il Training Visivo grazie alla plasticità del sistema.

 

2) Inseguimenti

Sono movimenti lenti come il seguire con gli occhi un oggetto che si muove davanti al nostro campo visivo. Mentre l’obiettivo dei saccadici è di riallineare gli occhi quando la fovea perde di vista l’oggetto, gli inseguimenti servono per aumentare al massimo la quantità dei dettagli che si possono ottenere da un oggetto in movimento. Si possono migliorare con il Training Visivo, anche se con più difficoltà rispetto ai saccadici.

 

3) Fissazioni

Si riferiscono alla quantità di parole che siamo capaci di leggere tra un movimento saccadico e l’altro. Meno fissazioni e meno saccadici si traducono in un aumento della velocità di lettura. Le fissazioni si relazionano con l’ampiezza del campo visivo, cioè la quantità d’informazione che si può percepire con una sola ‘fermata’ oculare.

 

Un problema nei movimenti oculari può provocare:

• Lentezza nella lettura

• Perdita del segno nell’andare a capo

• Rileggere le stesse lettere più volte

• Non riuscire a capire ciò che si legge

• Non riuscire a scrivere velocemente

 

Le abilità visive che utilizziamo ogni giorno sono molte, qui abbiamo analizzato solo quelle maggiormente usate dal sistema visivo nella lettura, e che, se non sviluppate adeguatamente possono interferire rallentandola. Attraverso una valutazione optometrica è possibile individuare tali difficoltà e correggerle attraverso uno specifico training visivo raggiungendo evidenti miglioramenti in tutte le abilità collegate alla visione.