Le 10 regole da condividere con i bambini per Halloween!

 

La parola Halloween rappresenta una variante scozzese del nome completo All Hallows’ Eve, cioè la vigilia di Ognissanti (in inglese arcaico All Hallows’ Day, moderno All Saints’ Day).

La festa di Halloween è una ricorrenza che viene celebrata da circa 6000 anni e che avrebbe avuto origine in Irlanda  intorno al 4000 a.c. .

Le origini di Halloween risalgono all’antica ricorrenza celtica di “Samhain” durante la quale si celebrava la fine della stagione dei raccolti. In tempi antichi, i Celti credevano che nella notte del 31 ottobre i confini tra il mondo dei vivi e il mondo dei morti si allentassero, consentendo ai defunti di tornare temporaneamente in vita per portare scompiglio tra i viventi. Come fare allora per spaventare i morti? Indossando maschere e costumi.

Fare i conti con Halloween non significa ripudiare le proprie tradizioni o farsi sedurre dal maligno, significa avere la consapevolezza che in un mondo globalizzato e sempre più multietnico si può convivere con usanze e costumi diversi talvolta semplicemente accettandoli altre volte facendoli nostri.

Da diversi anni è molto festeggiato anche in Italia, soprattutto dai bambini, che hanno colto di questa festa l’aspetto più goloso! E così…via! Con maschere più o meno improvvisate, con buste e secchielli alla mano a bussare alle porte recitando: “Dolcetto o scherzetto?”. E di fronte ad una generosa consegna di dolcetti potrete osservare nei loro occhi il riflesso della gioia mista all’effetto eccitante degli zuccheri!!!

Halloween-dolcetto-o-scherzetto-1-640x400.jpg

E così eccoci pronti al rito del tour delle case. Ma prima vediamo insieme quali sono le regole da rispettare per far sì che i bimbi si divertano senza disturbare chi non ama questa festa e magari imparando anche qualcosa.

1) Attenzione ad affrontare nel modo giusto con i bambini i temi che questa festa porta con se’.

La paura, la morte, l’aldilà sono argomenti difficili da trattare con gli adulti, figuriamoci con i bambini. Proprio per questo è bene rispettare i più piccoli e le diverse fasce d’età evitando travestimenti, decorazioni e atteggiamenti che potrebbero spaventarli troppo e soprattutto prepararsi nel modo giusto a rispondere alle loro domande. Qualche spunto di riflessione lo potete trovare in questo articolo: Come spiegare la morte ai bambini leggendo le loro emozioni.

2) Rispettiamo le idee altrui.

Non tutti accettano di buon grado questa ricorrenza che arriva dall’America. Ma che ci piaccia o meno questa festività sta sempre più entrando a far parte della nostra realtà. Rispettiamo, dunque, anche chi la pensa diversamente da noi evitando, sia in un caso sia nell’altro, di giudicare la scelta o meno di celebrare questa ricorrenza.

3) Si gira sempre in gruppo e mai da soli.

L’ideale è formare piccoli gruppi, massimo 8 bambini. Questo permetterà a chi apre le porte di casa propria di non vedersi assalito da decine di bambini assetati di zucchero e per i bimbi ci sarà sempre qualcosa da mettere nel cestino.

4) E’ sempre preferibile la presenza di un adulto.

L’adulto farà da punto di riferimento del gruppo, aiuterà a rispettare i turni e le regole, ma soprattutto garantirà la giusta sicurezza ai bambini, sia nel muoversi per strada sia nell’avvicinarsi a case che non si conoscono.

5) E’ importante suonare alle porte delle case che festeggiano Halloween.

Le case che partecipano alla festa spesso sono riconoscibili, normalmente riportano un addobbo sulla porta o sul cancello.

6) Si suona una sola volta e brevemente.

Se si gira in gruppo è importante ed educativo creare un turno e spiegare ai bambini che non ci si deve “attaccare” al campanello o al citofono, più saranno educati e rispettosi più facilmente riceveranno caramelle in regalo.

7) Non si entra mai nelle case, ma si aspetta fuori.

8) I dolci e le caramelle raccolte devono essere controllate da mamma e papa’. prima di dar via alla scorpacciata.

9) L’educazione non deve mai venire meno.

Qualunque sia la reazione del padrone di casa, questo va sempre salutato e ringraziato.

10) Non si torna mai a casa dopo le 20.00.

A questo punto…buon sano divertimento a tutti!