Accomodazione, convergenza e binocularità nelle difficoltà di apprendimento

 

L’Optometria Comportamentale è la scienza che si occupa dello studio funzionale del sistema visivo, dello sviluppo della visione e dell’analisi approfondita della percezione e dell’apprendimento, con l’obiettivo di preservare e migliorare con il Visual Training le abilità visive che si utilizzano ogni giorno, in modo che il sistema lavori più efficacemente.

La visione ci aiuta ad identificare, interpretare e capire ciò che si vede. Inoltre è intimamente legato con altre abilità tra cui quella linguistica, uditiva, di coordinazione motoria e di equilibrio. Quindi può essere importante realizzare una valutazione completa delle aree visive e del loro legame con altre competenze cerebrali, soprattutto sull’apprendimento.In questo articolo, si trattano alcune delle abilità visive implicate e relazionate con i problemi di apprendimento, nello specifico quelle che ogni bambino utilizza ogni giorno nel suo lavoro a scuola e a casa nell’eseguire i compiti, che se non sviluppate in modo adeguato possono interferire negativamente col suo rendimento scolastico.

Accomodazione
É la capacità dell’occhio di cambiare ‘lo zoom’, cioè la capacità di messa a fuoco a distanze differenti. Un esempio tipico dell’uso dell’accomodazione avviene a scuola per copiare dalla lavagna al quaderno. Un problema di accomodazione può provocare:
• Visione sfuocata da lontano e a distanze intermedie dopo un lavoro prolungato da vicino.
• Mal di testa nella zona delle arcate sopracigliari dopo di uno sforzo da vicino.
• Pseudomiopia (miopia indotta dall’accomodazione), con pupille più contratte del normale.
• Stanchezza oculare dopo un lavoro da vicino.
• Visione sdoppiata.
• Avvicinamento al target durante la lettura.

Convergenza
Si tratta dell’unione delle informazioni provenienti dai due occhi. È l’abilità che ci permette di vedere una sola immagine proveniente dai due occhi e non avere visione doppia. Normalmente il punto più ravvicinato di fusione in convergenza si trova non oltre i 4/7 cm dalla radice del naso, in caso contrario è possibile che si evidenzi un basso rendimento scolare e intellettivo e stanchezza oculare durante la lettura e scrittura. Con un deficit di convergenza si tende a sopprimere la visione di un occhio nei processi percettivi togliendo efficacia al sistema visivo.
Binocularità
É la capacità di integrare l’informazione che viene dai due occhi. Vuol dire percepire un’unica immagine fondendo ciò che vede ciascun occhio separatamente. Si ricorda che l’informazione percepita dal campo visivo destro viene elaborata dal emisfero cerebrale sinistro e viceversa. Il corpo calloso e la corteccia di associazione visiva fondono le informazioni in modo da percepire una immagine univoca. Deficienze nell’integrazione binoculare possono provocare problemi di comprensione durante la lettura, lentezza nel leggere, stanchezza oculare, problemi nella percezione della tridimensionalità, difficoltà motorie e perdita di efficacia nei processi visivi in generale.

La presenza di questi sintomi può essere messa in relazione ad una inefficienza visiva e il saperlo può aiutare a capire perché un bambino possa avere difficoltà durante l’età scolare. Le tre suddette abilità possono essere migliorate con il Training Visivo.

 
Età evolutivaMago dioz