LOGOPEDIA

 
 

Logopedia= “logos paideio”, etimologicamente dal greco significa insegnare il linguaggio; infatti”logos” si può tradurre come “parola” ma anche come “discorso” e “racconto”. Sono quindi impliciti nel termine tutti gli aspetti costituenti il linguaggio: dalla capacità di esprimersi , nelle prime fasi dello sviluppo, articolando semplici parole, fino alla capacità di organizzare l’eloquio in termini discorsivi e narrativi, ad un alto livello di elaborazione di idee e concetti, implicanti funzioni cognitive superiori.

Comunicare non è trasmettere il proprio pensiero così com’è, ma cercare di condividere le proprie intenzioni tramite strumenti imperfetti, avendo cura di mantenere buoni rapporti, aiutandosi a vicenda fino ad un risultato soddisfacente.

Il linguaggio e la comunicazione sono fondamentali per lo sviluppo intellettivo del bambino, perché consentono di organizzare il pensiero e di partecipare più attivamente alla realtà sociale in cui il bambino è inserito.

 

La logopedia è una delle aree riabilitative del nostro centro che si occupa nello specifico di:

  1. cura e prevenzione delle patologie di interesse foniatrico e otorinolaringoiatrico:

  2. disturbi specifici di linguaggio:

  3. disturbi specifici dell’apprendimento e disturbi della comunicazione:

  4. disturbi cognitivi e neurocomportamentali (patologie cerebrali, ritardi mentali e autismi), in età evolutiva:

 

COSA SUCCEDE QUANDO UNA FAMIGLIA CI CONTATTA? 

1)      Il primo contatto con il nostro centro avviene attraverso un incontro gratuito che per noi è molto importante e chiamiamo “Accoglienza”. Durante questo incontro conosciamo la famiglia e la problematica del bambino/ragazzo e diamo tutte le informazioni utili sullo svolgimento del percorso, sul nostro approccio, i costi e l’impegno che verrà richiesto ai genitori. Tutto questo con l’obiettivo di accompagnare il bambino e la famiglia verso un percorso riabilitativo consapevole e condiviso, che per noi è alla base dell’efficacia del progetto.

2)      Effettuata l’accoglienza, se la famiglia decide di affidarsi a noi, ci sono due strade che possono essere percorse:

a.      Per il bambino che ha già una diagnosi, che ha quindi già affrontato un percorso valutativo presso la ASL di competenza o altra struttura del territorio, verrà creato un progetto riabilitativo in linea con le indicazioni di trattamento presenti nella relazione e verranno condivise con i genitori le modalità di trattamento, l’importanza del loro ruolo all’interno del progetto, i tempi e i costi.

b.      Nei casi in cui invece la famiglia si rivolge a noi per rispondere ad una richiesta di approfondimento rispetto ad alcune problematiche emerse e quindi con la necessità di un inquadramento diagnostico, viene proposta una valutazione di tutte le competenze seguendo le linee guida standard del servizio convenzionato.

3)      Nel momento in cui è stato definito il progetto riabilitativo, il bambino e la famiglia vengono inseriti in un percorso guidato: ogni passaggio è pensato per far sì che il progetto si realizzi nel modo più efficace ed accogliente possibile. L’inserimento in terapia, graduale ed attento alle necessità del bambino, il coinvolgimento responsabile dei genitori, come importante risorsa, e gli incontri con la scuola, per condividere degli obiettivi comuni, sono solo alcuni dei passaggi che riteniamo fondamentali per raggiungere l’obiettivo terapeutico.