Corso per i genitori: I compiti…che fatica!

img_0178Il momento dello svolgimento dei compiti è sempre molto critico, sia per i bambini che per i genitori, spesso diventa fonte di stress, ansia e frustrazione per entrambe le parti e senza rendersene conto si entra in un circolo vizioso che si ripete giorno dopo giorno. Questo corso, rivolto ai genitori dei bambini della scuola primaria, ha come obiettivo quello di illustrare le strategie di apprendimento applicabili durante i compiti pomeridiani, che permetteranno di migliorare la prestazione, diminuire lo sforzo e ridurre i momenti di sovraffaticamento.

In questa breve intervista, la Dott.ssa Giulia Stornelli e la Dott.ssa Giorgia Ferappi, tutor dell’apprendimento, ci spiegano come è nata l’idea di un corso rivolto ai genitori sui compiti a casa e cosa “imparerà” chi lo seguirà.

 

D. Come nasce l’idea di un “corso” per insegnare ai genitori a gestire i compiti a casa?

Dott.ssa Giulia Stornelli: L’idea del corso nasce dopo anni in cui io e Giorgia abbiamo frequentato l’ambiente familiare dei bambini che seguiamo nelle lezioni pomeridiane. Ci siamo accorte che spesso i genitori hanno difficoltà a gestire la relazione con i figli nel momento dei compiti perché sono sprovvisti di strumenti efficaci sia per invogliarli che per aiutarli, in maniera costruttiva ed efficace.

Dott.ssa Giorgia Ferappi: “Compiti che fatica!” si prefigge proprio come obiettivo quello di insegnare ai genitori come stimolare i propri figli e motivarli ad uno studio sereno, senza stress, interrompendo quel circolo vizioso che molto spesso si crea nella relazione tra genitore e bambino nel fatidico momento dei compiti a casa.

D. Quali sono le problematiche più frequenti che avete riscontrato nella gestione dei compiti a casa da parte dei genitori?

Dott.ssa Giulia Stornelli: Spesso i genitori, durante i nostri corsi, ci raccontano di grandi litigate già per il semplice fatto di dover convincere i propri figli a mettersi seduti ad un tavolo, a prendere libri e quaderni, a ricercare i compiti da svolgere che a volte non vengono scritti sul diario dai bambini. I compiti sono fonte di stress non solo per i bambini ma forse, incredibilmente, più per i genitori che si ritrovano bambini urlanti per casa che mettono a dura prova la loro pazienza, materiale scolastico perso o incompleto, weekend interi passati a studiare e poco tempo libero per poter svolgere qualche attività differente, all’aperto, che sia di svago per tutta la famiglia.

Dott.ssa Giorgia Ferappi: Nei vari episodi che ci raccontano e in quelli a cui abbiamo assistito, il filo conduttore che li accomuna è la scarsa motivazione nei bambini nello svolgimento dei compiti pomeridiani, la disorganizzazione in cui sono immersi, sia quella materiale (quaderni e libri dimenticati a scuola o persi, spiegazioni non copiate alla lavagna), sia quella organizzativa (distribuzione dei compiti in modo adeguato per il tempo a disposizione). A volte rischiando di cadere nella trappola in cui i compiti “per disperazione” vengono svolti dai genitori piuttosto che dai bambini.

D. A chi si rivolge il corso?

Dott.ssa Giorgia Ferappi: Il corso è rivolto a tutti i genitori di bambini della scuola primaria, quindi dai 6 ai 10 anni, non necessariamente con disturbi dell’apprendimento, che vogliono avere indicazioni su come costruire un clima sereno e rapportarsi ai propri figli in maniera efficace e produttiva.

D. Cosa si “apprenderà” durante il corso?

Dott.ssa Giulia Stornelli:  Durante il corso, della durata di circa 3 ore,  verranno forniti strumenti specifici per determinate situazioni. Inizieremo proprio dall’utilizzo corretto del diario, spiegheremo la sua importanza quando si utilizza nel modo giusto! Mostreremo dei metodi di studio che i genitori potranno riproporre ai figli a casa: forniremo delle mappe sia di storia che di geografia utili nel momento dello studio per focalizzare i concetti chiave ed insegnare ai bambini a ripetere la lezione partendo proprio dalla mappa e da lì realizzare autonomamente un discorso evitando lo studio mnemonico. Mostreremo la realizzazione della ruota dei complementi, utile durante l’analisi logica per ricordare in maniera facile e semplice ogni complemento studiato, le tabelle di grammatica e anche quelle di matematica.

Dott.ssa Giorgia FerappiMa ci focalizzeremo anche sugli aspetti psicologici. Chiariremo , ad esempio, il ruolo che hanno i premi e le punizioninella relazione tra genitore e bambino nel momento dei compiti, analizzando quando, in che modo e perché premiare un bambino. Dedicheremo del tempo a capire cos’è la motivazione, quanti tipi differenti di motivazione esistono e quale stimolare per rendere partecipe il bambino nei pomeriggi di compiti a casa. L’obiettivo finale di questo corso è fornire tutti gli strumenti che i genitori possono riproporre a casa ai loro bambini al fine di renderli autonomi nello studio.

 

COME ISCRIVERSI AL CORSO:

Per iscriversi all’ EDIZIONE del 15 Aprile, dalle h 10.00 alle h 13.00 è necessario inviare un’email a formazione@ilmagodioz.com. Il corso è a numero chiuso (max 15 partecipanti).

 

compiti-che-fatica_terza-edizione