A scuola di gratificazione: quando un riconoscimento vale più di mille punizioni

A scuola di gratificazione: quando un riconoscimento vale più di mille punizioni

  Scritto da Sara Baldi I bambini trascorrono la maggior parte della giornata a scuola con gli insegnanti, che quotidianamente svolgono un delicato e fondamentale lavoro. Abbiamo pertanto pensato a dei consigli in pillole per gli insegnanti rispetto al tema della gratificazione a scuola. Come gratificare l’allievo senza generare in lui ansia da prestazione? Quando il riconoscimento non arriva, quali strategie mettere in atto? È ormai noto che per modificare.

La gratificazione efficace nella relazione tra genitori e figli.

La gratificazione efficace nella relazione tra genitori e figli.

Scritto da Sara Baldi L’apprezzamento e la gratificazione di un genitore sono uno stimolo fondamentale per la buona crescita dei bambini, per la loro autostima e la creazione di una corretta immagine di sé. È importante però lodare i nostri figli non solo per il loro talento o per i risultati ottenuti, ma soprattutto per l’impegno, lo sforzo e l’entusiasmo che mettono per raggiungere un obiettivo, indipendentemente dal successo ottenuto..

Giocare per socializzare: il valore del gioco tra coetanei

Giocare per socializzare: il valore del gioco tra coetanei

  Scritto da Sara Baldi I bambini, come abbiamo visto, iniziano a sperimentare la loro vita relazionale con gli adulti, nello specifico con i genitori, ed è con loro che si mettono alla prova nel gioco per la prima volta. Con il tempo, però, diventa sempre più evidente l’importanza del gioco tra pari. Mentre infatti nel gioco genitore-figlio il bambino sviluppa le sue potenzialità affettive, nel gioco con i suoi coetanei.

Mamma, papà giochiamo insieme? L’importanza del gioco nella relazione genitore-figlio

Mamma, papà giochiamo insieme? L’importanza del gioco nella relazione genitore-figlio

  Scritto da Sara Baldi Il gioco è una componente essenziale nello sviluppo dei bambini, in quanto attraverso questo tipo di attività il bambino sviluppa le proprie potenzialità intellettive, affettive e relazionali. Dopo aver parlato del gioco come motore dell’apprendimento (potenzialità intellettive) nell’intervista alla responsabile Nadia Riccioli, in questo articolo vogliamo esplorare la principale dinamica in cui il bambino sviluppa le proprie potenzialità affettive, ovvero la relazione con i propri.

FAQ sessualità: ecco le risposte alle domande più frequenti

FAQ sessualità: ecco le risposte alle domande più frequenti

Nel corso del seminario gratuito “L’educazione sessuale oggi”, tenuto dalla psicologa-sessuologa Dott.ssa Giada Mastrogregori, abbiamo raccolto gli interrogativi più interessanti, emersi nel confronto con i genitori presenti all’incontro. Un’ulteriore modo per supportare tutti quei genitori che si pongono domande su come affrontare l’argomento “sessualità” con i propri figli. Qual’è l’età giusta per iniziare a parlare di sessualità con i propri figli? L’ideale sarebbe iniziare a trasmettere loro una serie di.

Le frasi più comuni e sbagliate che diciamo ai nostri figli sulla sessualità: come evitarle.

Le frasi più comuni e sbagliate che diciamo ai nostri figli sulla sessualità: come evitarle.

Scritto da Sara Baldi Quante volte ci è capitato di dire, o sentir dire, ad un bambino che prima di nascere si trovava “Nella pancia della mamma”, “Sotto ad un cavolo” e che è stato “Portato dalla cicogna”?  Queste sono solo alcune delle frasi più comuni che vengono dette ai propri figli per spiegare la loro nascita, ma è corretto dirle?  In questo articolo, infatti, si vogliono fornire delle risposte a.

Il valore della sincerità nel percorso riabilitativo

Il valore della sincerità nel percorso riabilitativo

Intervista alla Dott.ssa Laura Feci, responsabile e fondatrice dell’Ass. Il Mago di Oz ONLUS In questa intervista ad una delle responsabili dell’Associazione, abbiamo chiesto di spiegarci il valore della sincerità nel percorso riabilitativo. Parlare in modo sincero e trasparente con i propri figli di quello che li attende e delle loro difficoltà rappresenta il primo passo verso un percorso riabilitativo efficace. Al Mago di Oz avete deciso di dare valore.

Quali sono le bugie più comuni che diciamo ai nostri figli e come evitarle

Quali sono le bugie più comuni che diciamo ai nostri figli e come evitarle

Scritto da Sara Baldi, Redazione Dopo le bugie dei figli…parliamo di quelle dei genitori. Quali sono le “non verità” più comuni che capita di dire ai nostri figli a fin di bene, magari perchè presi alla sprovvista o interrogati su temi scomodi o imbarazzanti? Come dire la verità in maniera adeguata alla loro età e sensibilità? Ecco alcuni esempi di bugie ed omissioni, “non verità” e “false promesse”, apparentemente innocue,.

Essere sinceri con i propri figli? Si può e si deve!

Essere sinceri con i propri figli? Si può e si deve!

Scritto da Sara Baldi, Redazione Può capitare che i genitori raccontino bugie ai propri figli e le ragioni sono varie: dall’ottenere obbedienza, magari con la minaccia del famoso “uomo nero”, a quelle dette per togliersi d’impaccio quando per esempio si è molto stanchi o ancora quando si avverte l’imbarazzo di fronte a domande impertinenti. Ci sono poi le verità difficili da spiegare: a volte i genitori si vedono “costretti” a.

Ansia da prestazione scolastica: i nostri consigli per genitori ed insegnanti

Ansia da prestazione scolastica: i nostri consigli per genitori ed insegnanti

Scritto dalla Dott.ssa Francesca Amorosi, Psicologa-Psicoterapeuta ANSIA POSITIVA ED ANSIA NEGATIVA L’ansia scolastica nasce dal normale desiderio di essere amati e ammirati e dalla paura di essere rifiutati e ridicolizzati dagli altri. Essa racchiude la paura dell’insuccesso, del giudizio negativo, il timore di non essere capace di superare la prova che si deve affrontare. E’ normale e giusto che il bambino abbia un sano desiderio di riuscire e che faccia.

Come comportarsi se il bambino balbetta? Le risposte della Logopedista

Come comportarsi se il bambino balbetta? Le risposte della Logopedista

Quando un bambino inizia a manifestare qualche esitazione nel parlare si riscontra spesso una reazione di forte preoccupazione ed ansia da parte dei genitori, che, in alcuni casi, si sentono responsabili della condizione del proprio bambino, riconducendone la causa a fattori di svariata natura, come ad esempio la presenza in famiglia di altre persone balbuzienti o le scarse attenzioni a lui dedicate a causa di uno stile di vita troppo.

Settimana Nazionale della Dislessia 2017- La Filastrocca D(ella) S(uper) A(bilità)

Settimana Nazionale della Dislessia 2017-  La Filastrocca D(ella) S(uper) A(bilità)

Nella Settimana Nazionale della Dislessia, che ricorre dal 2 all’8 Ottobre 2017,  anche noi abbiamo voluto seguire l’esempio dell’Associazione Italiana Dislessia e lanciare un messaggio positivo, rivolto ai bambini ma sopratutto agli adulti, genitori ed insegnanti, affinchè parlare di DSA, ovvero di disturbi specifici dell’apprendimento, non sia più motivo di difficoltà, imbarazzo e vergogna ma sia il pretesto per iniziare a guardare alla diversità come ad un’opportunità di crescita ed.

1 2 3